Vai direttamente ai contenuti

Home > Notizie ed eventi > ACI e Carabinieri BiodiversitÓ: "Ogni pilota un albero"

ACI e Carabinieri BiodiversitÓ: "Ogni pilota un albero"

19.05.2023

Crisi climatica: al via "Ogni pilota un albero", progetto di ACI e Carabinieri BiodiversitÓ per compensare le emissioni prodotte dagli eventi sportivi

 

L’Automobile Club d’Italia (ACI) e il Raggruppamento Carabinieri BiodiversitÓ, grazie alla collaborazione dei Comuni, hanno avviato un’iniziativa della Commissione Autostoriche ACI per la sensibilizzazione sulla difesa dell’ambiente e per rendere la mobilitÓ sempre pi¨ sostenibile

 

I Carabinieri Forestali doneranno 100 alberi per compensare le emissioni della Gara di Guarcino - Campocatino (Frosinone) che si svolgerÓ il 20 maggio e per quella Lago Montefiascone (Viterbo) che si terrÓ il 3 giugno

 

 

Roma, 19 maggio 2023 - Con il progetto "Ogni pilota un albero", l’ACI e l’Arma dei Carabinieri - Raggruppamento CC BiodiversitÓ, intendono contribuire alla compensazione delle emissioni di COprodotte dalle gare sportive che si svolgono ogni anno sul territorio nazionale. L’iniziativa, che verrÓ inaugurata durante le due gare di Guarcino e Lago Montefiascone, previste rispettivamente il 20 maggio e il 3 giugno, prevede la messa a dimora di 100 alberi (50 per ogni competizione) donati dai Carabinieri Forestali nelle aree indicate dai Comuni per compensare le emissioni prodotte dalle vetture da corsa.

 

"L’obiettivo Ŕ di dare un contributo concreto per diffondere la cultura della sostenibilitÓ in campo sportivo automobilistico. Siamo consapevoli che il settore ha un impatto importante sull’ambiente che, attraverso questa iniziativa, intendiamo contribuire a compensare. Il progetto ha inoltre lo scopo di sollecitare, anche attraverso le nostre delegazioni territoriali e gli eventi sportivi, a prendersi cura dell’ambiente nella convinzione che ogni istituzione ha il dovere di accompagnare processi culturali per la salvaguardia del nostro pianeta", dichiara il presidente dell’ACI, Angelo Sticchi Damiani.

Si stima che la CO2 prodotta dalle auto da corsa in un fine settimana di gara verrebbe assorbita in un mese dagli alberi piantati in un anno e in quattro anni lo stesso risultato si otterrebbe in una settimana, garantendo cosý un notevole abbattimento di anidride carbonica. Terminate le gare, gli alberi continueranno a svolgere il loro ruolo a beneficio dei territori e delle comunitÓ.

 

"Ogni pilota un albero" nasce da un progetto della Commissione Autostoriche di ACI per la difesa dell’ambiente a favore della carbon neutrality ed Ŕ realizzato in collaborazione con l’Arma dei Carabinieri, i Comuni e gli organizzatori delle competizioni sportive aderenti all’iniziativa, e prevede la messa a dimora di un albero per ogni macchina che prende parte alla gara.

 

L’iniziativa rientra nei termini di un protocollo d’intesa tra l’ACI e l’Arma dei Carabinieri siglato nel 2020 che prevede, tra l’altro, la promozione di iniziative a favore dei giovani in tema di sicurezza stradale.

PDF